Fuori da Matrioška: MohOFF!

di Jacopo Frenquellucci in Cultura, Matrioška Magazine
13 dicembre 2016
Jacopo Frenquellucci

Un programma di ricerca e divertimento, a partire dalle ore 19 alla Sala Pamphili (via Cairoli 40, Rimini), per l’afterparty della giornata inaugurale di Matrioška #10: Moho Club Discontinuo in collaborazione con Matrioška Labstore presenta MohOFF!.

Si partirà dall’aperitivo con il djset di Keeno. A seguire “Vertigine”, momento di talk performativo e discussione sulle tematiche dei rituali collettivi e la loro rappresentazione (in collaborazione con R.I.U. e Phonography). La serata continuerà con il djset di Kenzo, la performance live di Kino e in conclusione il djset tropical/balearic di Francesco Rossini.

“Vertigine”, talk performativo in collaborazione con R.I.U. e Phonography è un esperimento didattico: si andranno ad analizzare, attraverso la visione di documenti e fascinazioni audiovisive, le caratteristiche dei moderni momenti di incontro collettivo. Si cercherà di dare al pubblico un punto di vista nuovo e coerente sulle meccaniche della trance collettiva: addetti ai lavori ed artisti si confronteranno, portando le loro esperienze sul campo, nell’intento di creare un momento di riflessione sull’importanza della componente psicologica ed emotiva nei grandi eventi di massa legati alla musica, al ballo, all’incontro. Si parlerà dell’importanza della sperimentazione audiovisiva, del confine tra arte e spettacolo, dell’importanza di organizzare eventi non “per” il pubblico, ma “con” il pubblico.

MOHO Club Discontinuo nasce dall’unione di professionisti attivi nel territorio riminese ed è volto all’organizzazione di eventi culturali focalizzati alla diffusione delle avanguardie musicali, artistiche, performative e multimediali. MOHO è presente sul territorio anche tramite le attività promosse dall’Associazione Culturale Zima, che lo rappresenta legalmente. Le iniziative riservate ai Soci si focalizzano sulla didattica, tramite l’organizzazione di workshop e corsi specifici, e su un nuovo concetto di aggregazione non più legato alla massificazione del pubblico.